Nel periodo pasquale sulle tavole campane poche cose non mancano mai: tra queste c’è il Casatiello, un rustico che simboleggia la corona di spine del Crocifisso. Si differenzia dal Tortano (altro rustico tipico) perché quest’ultimo ha le uova nell’impasto, il Casatiello invece le ha in superficie sotto un’impasto a forma di croce. E’ un pane dal carattere deciso e dalla lavorazione particolare: a Napoli infatti dire “casatiello” vuol dire sinonimo di “cosa pesante, complessa”. Ma non bisogna farsi abbattere: non è poi così difficile. E’ una preparazione che ho sempre evitato, visto il contenuto   di strutto e di salame, due ingredienti che ho deciso di eliminare dalla mia dieta. Oggi ho voluto forzare uno stravolgimento della tradizione (non me ne voglia mia nonna): ho reso la ricetta senza lattosio, ho eliminato lo strutto, e ho sostituito il salame con le melanzane, rendendo la rigetta vegetariana. Risultato spettacolare!

Una ricetta di Lea #ailisfoodblogger del Blog “La mia cucina senza lattosio”

Tempo: 2 ore + lievitazione
Difficoltà: difficile

Ingredienti:

  • 600 gr farina tipo 0
  • 300 mL acqua tiepida
  • 15 gr lievito di birra fresco
  • 100 gr burro senza lattosio
  • 80 gr olio di semi
  • 100 gr Parmigiano Reggiano DOP
  • 12 gr sale
  • pepe
  • 4 uova

Ingredienti per il ripieno:

  • 200 gr salame (io ho sostituito con melanzana grande)
  • 150 gr provola (io ho sostituito con 150 gr formaggio Dolomitenkonig MILA senza lattosio)

 

Procedimento:

Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida.

Versare la farina sul piano di lavoro, praticare un buco al centro ed unire il lievito.

Aggiungere un altro pò di acqua ed amalgamare. Aggiungere il burro morbido, il sale e ancora acqua fino a che l’impasto non diventa omogeneo e morbido (io ho usato il bimbi per impastare). lavorare l’impasto energicamente per qualche minuto.

Riporre l’impasto in un recipiente  coperto da pellicola e lasciar lievitare in un luogo chiuso (ad esempio forno spento con luce accesa) fino a che l’impasto non triplica (circa tre ore).

Trasferire l’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato. Stendere dolcemente con un mattarello in modo che abbia forma rettangolare e spessore di 1 cm

A questo punto bisogna sfogliarlo: ricoprire la superficie con una spennellata di olio, parmigiano e pepe e richiudere a libro.

Ristendere con il mattarello e ripetere l’operazione per 3 o 4 volte.

Intanto tagliare le melanzane a cubetti e cuocerle in poco olio per 5 o 6 minuti a fuoco dolce con coperchio finchè non ammorbidiscono.

Ritagliare una piccola striscia di impasto e tenerla da parte.

Farcire il rettangolo con il formaggio senza lattosio e le melanzane raffreddate.

Richiudere l’impasto arrotolandolo formando un salsicciotto.

Riporre il salsicciotto in uno stampo per ciambelle oliato serrando bene i bordi e lasciare a lievitare coperto per un’altro paio di ore (in dipendenza dalla temperatura ambiente).

Lavare per bene il guscio delle 4 uova, Disporle sull’impasto con la punta rivolta verso l’interno e ricoprire con due striscioline di impasto formando una croce.

Spennellare con uovo e infornare a 180° per circa 1 ora (fare prova stecchino).

Lea