La mandorla, merenda ricca di calcio per grandi e piccini

La merenda e gli spuntini sono molto importanti perché aiutano a seguire una corretta alimentazione e ad apportare una adeguata quantità di calorie e nutrienti. È sbagliato concentrare l’alimentazione soltanto durante il pranzo e la cena. Purtroppo non è semplice scegliere gli spuntini giusti, per questo motivo vi proponiamo le mandorle: ottimo alimento dal punto di vista nutrizionale che ben si presta ad essere consumato come snack a merenda anche da chi soffre di intolleranza al lattosio.

Sono un alimento calorico, perché apportano circa 600kcal ogni 100g, ma comunque consigliato anche nell’ambito delle diete ipocaloriche perché sono ricche in grassi buoni, fibre, minerali e antiossidanti, soprattutto nella versione non pelata. Esistono infatti varie alternative tra cui scegliere, che variano per la presenza o meno della buccia e per la tostatura. Ciò che cambia significativamente è l’apporto di fibra e antiossidanti, maggiormente presenti nella buccia e dunque nelle varianti non pelate.

Consumare 10-15 mandorle a merenda consente di fare il pieno di energia (120-150Kcal), ma a lento rilascio, perché proveniente per la maggior parte dai grassi. Il carico e l’indice glicemico di questo alimento, ovvero la quantità di zuccheri in esso presenti e la velocità con cui questi aumentano la quantità di zucchero nel sangue una volta ingeriti, sono notevolmente ridotti in virtù del ridotto apporto di carboidrati (meno del 20%) e della presenza di grassi e fibre. Queste ultime sono importantissime per la salute dell’intestino perché agiscono come prebiotici. Questo significa che è un alimento che sazia a lungo e ci permette di arrivare al pasto successivo non affamati.

Un altro indubbio vantaggio è il considerevole apporto di micronutrienti, in particolare calcio, magnesio, potassio, fosforo e ferro.

Con la nostra merenda di 10-15 mandorle apportiamo circa il 15% del fabbisogno giornaliero di calcio, un contributo da non sottovalutare soprattutto per i bambini e adulti, soprattutto se non consumano latte e derivati per problemi di intolleranza.

Un’alternativa valida è il consumo di bevande vegetali a base di mandorla, come merenda o a colazione. Non sempre è facile scegliere il prodotto in commercio che mantenga maggiormente fede alla materia prima. Si consiglia infatti di prediligere le bevande vegetali più ricche in materia prima e prive di zuccheri aggiunti.

La redazione di Wikonsumer.org