Il gomasio è un condimento dal sapore molto caratteristico. La sua origine ci conduce al lontano Giappone, ed infatti il suo nome deriva dalla combinazione delle parole giapponesi “goma” (sesamo) e “sio” (sale).

È un condimento secco, realizzato con semi di sesamo non cotti e sale marino non raffinato.

I semi di sesamo usati per fare il gomasio possono essere di colore marrone o nero. Prima di essere mescolati con il sale, vengono tostati, e talvolta anche il sale può subire una leggera tostatura.

Molto importante è il rapporto tra i due ingredienti. Esso varia molto tra 5:1 (5 parti di semi di sesamo e 1 parte di sale) e 15: 1. La scelta ricade, a seconda del gusto e della dieta seguita.

Ma perché usare il gomasio? Oltre che per il suo intenso sapore, risulta essere un  perfetto sostituto del sale  per alcuni piatti, in quanto il suo utilizzo riduce la quantità di sale che in genere verrebbe utilizzata.

Il gomasio rientra, anche, nella cosiddetta dieta macrobiotica, ma in questo caso conterrà meno sale, rispetto al tradizionale gomasio giapponese (per un rapporto di circa 18:1).

Questo “sale dell’est” viene utilizzato soprattutto nelle insalate e nelle zuppe, ma può anche insaporire alcuni piatti principali come riso, pasta, verdure o legumi.

Quali sono le sue proprietà benefiche?

  • Innanzitutto, utilizzando gomasio, si induce ad un uso molto più basso di sale e quindi aiuta a  prevenire malattie come l’ ipertensione .
  • Stimola i processi digestivi favorendo, pertanto, la digestione stessa
  • Il gomasio fornisce molti nutrienti, tra minerali e vitamine, ed è considerato pertanto un  condimento rimineralizzante.
  • Il sesamo rappresenta, inoltre, anche una buona fonte di calcio

Come farlo a casa?

Oltre che essere in vendita nei negozi specializzati, è possibile prepararlo in maniera semplice anche in casa. Per prima cosa tostiamo i semi di sesamo non unti, in una padella antiaderente. Una volta dorati rilasceranno il loro caratteristico odore di nocciola.

In un mortaio mescoliamo i semi di sesamo tostati con un cucchiaio di sale marino grezzo e li maciniamo insieme.

Curiosità: Il gomasio è anche usato in lingua giapponese per descrivere una chioma in cui sono presenti capelli bianchi e neri, comunemente nota come “sale e pepe”.

 

A cura della Dott.ssa Marina Putzolu

Direttamente dal nostro Cooking Coach http://www.associazioneaili.it/food-in%E2%80%A2formation/

PURE’ DI BATATA